Dopo anni in cui il bagno era uno spazio super minimal dai toni ultra neutri, in cui il colore dominante era bianco, spesso estremizzato in soluzioni total white, negli ultimi tempi anche in questo ambiente è stato completamente sdoganato il colore, sviluppato alle pareti e non solo. Oggi tonalità e sfumature più o meno accese vestono i bagni dagli stili più disparati, da quelli classici e tradizionali ai più moderni e attuali. Per questo ambiente della casa, rispetto ad altri, la scelta del colore andrebbe però sempre fatta con ancora più attenzione valutando bene non soltanto lo spazio e le dimensioni, ma considerando con attenzione il progetto d’arredo d’insieme che si vorrà realizzare, compresi i materiali e le finiture.

Quali sono le tinte su cui puntare

Spesso il colore può essere un ottimo escamotage per mascherare dei piccoli difetti presenti in bagno o per rinnovare lo spazio senza necessariamente ricorrere a una ristrutturazione, può quindi avere un ruolo chiave per far cambiare la prospettiva dell’ambiente modificandone in meglio la percezione visiva. Nella scelta del colore giusto occorrerà sempre pensare che questo si dovrà poi armonizzarsi ai materiali che inevitabilmente completeranno lo spazio (legno più o meno scuro, cemento, il bianco della ceramica, il marmo….). Tonalità come la gamma dei verdi, sviluppati nelle sfumature più chiare, e dei blu, anch’essi poco intensi e non troppo scuri, saranno perfetti per regalare allo spazio qualità estetica, ma anche ariosità e luce. Anche il rosa, nelle nuance più tenui e pastello, è sempre più spesso utilizzato in bagno come colore a parete per rinnovare l’ambiente con modernità. Abbinato ai legni più chiari e a materiali come il marmo bianco e/o grigio dona agli spazi gusto e una raffinatezza attuale senza dimenticare che, nelle tonalità più tenui, è grande catalizzatore di luce.

Scegliere il colore valutando bene le dimensioni dello spazio

Spesso si pensa che colori neutri e chiari siano la soluzione più adatta per bagni di piccole dimensioni, ma non è del tutto vero e non sempre è così. Giocare in bagno con un colore che crei il giusto contrasto, da sviluppare su una sola parete o su un solo elemento caratterizzante, come per esempio la zona dei lavabi o della doccia, può dare vita a una soluzione cromatica inedita e a uno spazio fresco e moderno per nulla pesante. In un ambiente non particolarmente grande l’uso del colore dovrà sempre essere studiato e commisurato bene al tipo di ambiente in cui ci si trova, alla presenza o meno di finestre e quindi di luce naturale all’altezza dello spazio. Che si tratti di bagni piccoli o di medie e grandi dimensioni che si opti per colori scuri o per tinte pastello il consiglio è sempre però quello di non seguire mode passeggere e tendenze del momento, ma di ragionare bene su una scelta cromatica che oltre a piacere nel tempo non rischi di essere troppo invadente e quindi di stancare. L’ultima edizione del Cersaie, in corso a Bologna fino al primo ottobre , racconta più che mai come il tema del colore abbia avuto notevoli sviluppi anche e soprattutto nell’ambiente bagno. Fra il verde dei boschi e l’azzurro del cielo il richiamo alla natura, in questo 2021, è la super tendenza. Un trend da sviluppare in questo ambiente della casa, fino a qualche tempo fa relegato a spazio di servizio, è oggi vero e proprio luogo da vivere e da progettare con cura e grande attenzione.

Letto 84 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.