Colore bianco e bagno sono spesso un binomio imprescindibile, in più quando si parla di bagni non particolarmente grandi il “colore non colore” sembra essere uno dei più utilizzati e ricercati, perché il bianco è un colore che notoriamente “allarga” e amplia le dimensioni dello spazio.
Realizzare un bagno total white è quindi, spesso, una delle scelte più veloci e facili per risolvere spazi minimi. Ma costruendo il bagno solo con il bianco, mettendo insieme peraltro materiali e superfici diverse, talvolta si corre il rischio di dare vita a uno spazio un po’ monotono che alla lunga potrebbe stancare. Ecco allora 4 colori, perfetti se combinati con il bianco, ideali per rendere interessante e originale anche un bagno dalle dimensioni S o XS.

Storiche e amatissime le superfici in cotto sono da sempre, soprattutto in Italia, molto utilizzate. Tipici delle case di tradizione mediterranea, i pavimenti di cotto (materiale molto antico che si ottiene da una speciale cottura dell’argilla) sono fra le soluzioni più richieste e non soltanto per le case di campagna e al mare ma, sempre più spesso, anche per le dimore cittadine, dove li ritroviamo impiegati con interessanti combinazioni stilistiche. Che lo si scelga come nuovo pavimento o che lo si trovi in una casa appena acquistata o affittata, un pavimento di cotto non è però fra i più semplici da abbinare, soprattutto, se desidera dare all’ambiente uno stile più moderno e attuale e alle pareti un colore che non sia la classica tonalità di bianco neutro. Tipicamente caratterizzato da sfumature calde e rossastre – esistono diversi tipi di pavimenti in cotto: cotto toscano, cotto umbro, cotto siciliano… – il cotto può avere sfumature cromaticamente diverse che vanno dal rosso bruno, al rosso acceso fino ad arrivare all’arancione più tenue e chiaro. Tutti colori importanti e non semplici da abbinare e da valorizzare, per orientarci meglio scopriamo alcune tonalità che ben si combinano a superfici e pavimenti di questo genere.

Intenso e rassicurante il blu sarà, senza alcun dubbio, la tonalità must del 2020. Un colore fra i più amati che apre al nuovo decennio con ritrovata raffinatezza, con eleganza e qualità, e senza alcun dubbio una sfumatura “vicina” di cui tutti sentivamo un po’ il bisogno. Etereo, ma comunque deciso, intenso al punto giusto e profondo il blu, nelle sue tonalità più classiche, è un colore che si spinge verso nuovi confini pur trasmettendo grande normalità. 

Un tempo i colori che venivano scelti per la cucina, per le pareti ma non solo, erano il bianco e le diverse sfumature di beige. Con il passare degli anni però questo ambiente della casa ha subito una grande evoluzione, sia dal punto di vista tecnologico, sia stilistico e conseguentemente cromatico. Oggi arricchire la cucina nel segno del colore non è più una novità, ma una consuetudine più che rodata che  apre a spazi accoglienti e interessanti in cui proprio le diverse tonalità impiegate non sono più soltanto un elemento decorativo, ma vera e propria materia progettuale. Colore come componente cromatica da plasmare, articolare e modellare in base al tipo di cucina che si ha, ma anche in base allo stile che si desidera dare a questo importantissimo ambiente della casa. Scopriamo i quattro colori tendenza, ma non solo, perfetti per rivoluzionare e dare carattere alla cucina.

Raffinata tinta di stagione, il  verde bosco è un colore d’arredo intrigante e classico. Una sfumatura di verde ricca di magia e aperta a tantissimi abbinamenti. Ottimo se si desidera restituire agli ambienti qualità ed eleganza ben si articola ai diversi stili ed è ideale per portare dentro casa un pò di natura. Amatissimo, come un po’ tutte le sfumature di verde – colore fra i più gettonati dalle tendenze arredo degli ultimi anni -, il verde bosco regala soluzioni dinamiche e particolari da sviluppare in tutti gli spazi della casa.